MONZA – FOA BOCCACCIO ED IL PROBLEMA DEGLI SPAZI PUBBLICI

Pubblicato: aprile 10, 2011 in Attualità a Monza e in Brianza

La questione della mancanza di spazi pubblici dedicati ai giovani (ma non solo) è un tasto dolente, anzi dolentissimo, nella nostra provincia. Spesso iniziative valide si scontrano con la burocrazia e la poca sensibilità dei comuni. Sparsi nel territorio sono centinaia le aree dismesse che attendono (spesso da decine di anni) una ricollocazione. Ma come rinnovarle? Forse proprio noi giovani siamo la risposta: siamo una fucina di idee, spirito di iniziativa e, nonostante l’opinione dei media, cultura. Ma non siamo un coro unanime ed è proprio la nostra diversità ciò che più ci rende ricchi. Allora fateci sentire la vostra voce e diteci cosa ne pensate.

Ecco una sintesi dell’articolo pubblicato su www.monzagiovani.org

“Centinaia di persone ridanno vita alla FOA BOCCACCIO 003, occupando lo stabile dismesso da anni in via Aspromonte 12, angolo via Quarnaro, a Monza. Questa Giunta, nel suo tentativo di annullare il dissenso in città e perseguire le proprie nefaste politiche (vedi PGT, privatizzazioni varie, tagli al bilancio, attacco indiscriminato ai luoghi di aggregazione), aveva provato a indebolirci, prima con gli sgomberi violenti (dicembre 2008 e luglio 2009), poi cercando di estenuarci, attraverso una fantomatica trattativa per uno spazio, risoltasi con un proverbiale nulla di fatto. In questi ultimi mesi il nostro è stato un lavoro sotterraneo e continuativo, finalizzato a promuovere la rinascita del progetto http://www.monzagiovani.org, che in poco tempo ha assunto dimensioni importanti, coinvolgendo centinaia di giovani nell’ambito delle attività e delle riflessioni proposte sulla Monza che stiamo vivendo. Che gli spazi ci fossero lo abbiamo sempre saputo. Il teorema della FOA Boccaccio, che ha sempre denunciato la grave mancanza di spazi sul territorio cittadino dove svolgere attività culturali autogestite e promuovere politica dal basso si dimostra sempre attuale e costantemente verificabile. Tutti i luoghi che in passato abbiamo fatto rivivere (con tempi e modalità differenti) e da cui siamo stati sistematicamente sgomberati, giacciono tutti ancora inutilizzati. Perciò abbiamo avuto l’imbarazzo della scelta nell’identificare il nostro nuovo spazio. Lo abbiamo scelto in un quartiere di Monza costellato di scheletri postindustriali: l’ex macello, l’ex carcere, la grande fabbrica di via Castelfidardo sono soltanto alcune delle grandi strutture simbolo del degrado di spazi che potenzialmente potrebbero essere restituito ad uso pubblico e sociale. Eccoci quindi qua a rispettare gli impegni presi con noi stessi, ma soprattutto con le tantissime persone che, come noi, sentivano la mancanza di uno spazio sociale in città, in particolare in questo delicato momento storico. Questo ultimo anno di giunta Mariani (se arriverà fino in fondo) si configura come il grande sacco di Monza: sono settimane decisive per la variante del PGT, per il bilancio cittadino, per la privatizzazione della Villa Reale e del N.E.I.. Sul piatto ci sono questioni di vitale importanza per il futuro della nostra città e la posta in palio in questa fase politica è altissima, laddove il progetto di trasformazione cittadina pensato e sviluppato da chi ci governa prevede un processo irreversibile di impoverimento, in termini di vivibilità, di accessibilità ai servizi, di libertà individuale e collettiva. Vogliamo e dobbiamo opporci a tutto questo, rinsaldando alleanze con le componenti sociali e le parti di società civile che in questo ultimo periodo hanno cominciato ad alzare la testa nel tentativo di bloccare i progetti del Sindaco e dalla sua banda. La nuova FOA BOCCACCIO vuole essere quindi un punto di riferimento per tutte quelle battaglie che si stanno consumando sul territorio, vuole essere un laboratorio permanente per la generalizzazione dei conflitti, vuole essere attraversato e vissuto da studenti come da lavoratori e precari, da migranti, da associazioni e comitati. In questa nuova avventura è centrale il luogo degli studenti di Monza e Brianza, che si sono organizzati in collettivi e da tempo hanno saldato le loro istanze con le nostre, condividendo la forte esigenza di uno spazio sociale. La nuova FOA BOCCACCIO è uno spazio pubblico e cittadino, antirazzista e antifascista. Si comincia con un fitto calendario di iniziative finalizzato a dialogare con il quartiere e ad aprire il centro sociale alla cittadinanza, soprattutto in vista delle scadenze più vicine, 25 aprile e primo maggio. Ecco il calendario delle iniziative in programma: domenica 10 aprile, ore 16: assemblea di confronto sullo sciopero generale del 6 maggio (lombardia.indymedia.org/node/37578) domenica 10 aprile, ore 21.30: incontro pubblico e cittadino di confronto lunedì 11 aprile, ore 21.30: assemblea di gestione martedì 12 aprile, ore 21.30: redazione aperta di http://www.monzagiovani.org giovedì 14 aprile, ore 21.30: assemblea contro le privatizzazioni di NEI e Villa Reale sabato 16 aprile, ore 21: concerto DESAPARECIDOS a cura dei collettivi studenteschi e uds domenica 17 aprile, ore 9: PEDALATA PARTIGIANA Fabbrica Occupata Autogestita BOCCACCIO 003 boccaccio.noblogs.org boccaccio@autistici.org

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...